1928 Alfa Romeo 6C 1500 SS

Il primo sei cilindri

 

Negli anni Venti, in brand italiano automobilistico seppe intuire bene ciò di cui il mercato aveva bisogno. Alla fine del decennio, la Alfa Romeo era egregiamente rappresentata nelle più alte sfere degli sport motoristici, ma mancava ancora un modello rilevante per i clienti privati. Un veicolo dal carattere sportivo, ma tecnicamente più semplice e, di conseguenza, più economico. Fu Vittorio Jano a trovare la risposta: la 6C 1500. Lo chassis era stato già presentato nel 1925, tuttavia, i primi sei cilindri in linea nella storia dell’Alfa furono montati solo nel 1927. Nella sua prima versione, l’1,5 litri aveva 44 CV e raggiungeva 4.200 giri/minuto: sicuramente una soluzione innovativa rispetto alla concorrenza, ancora poco presente in questo segmento. Jano aveva comunque ancora in serbo qualche chicca: nello stesso 1928, vennero lanciate la Sport con 54 CV, la Super Sport con 60 CV, la Super Sport Compressore con compressore volumetrico a lobi Roots e 76 CV a 4 800 giri/min. Arrivo’ anche la Super Sport Compressore Testa Fissa, con compressore Roots e testa fusa in una struttura monolitica con il blocco cilindri. Tirata così a lucido, la 6C 1500 arrivò a sorprendenti 84 CV a 5 000 giri/minuto, con una velocità massima di 155 km/h.

 

 

Altre Alfa Romeo classiche si trovano sempre su www.radical-mag.com.

 

 

Foto ©Peter Ruch.